IMPOSTE SULLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI

IMPOSTE SULLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI

PRIMA CASA Solo per le abitazioni non ricadenti in categoria A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli, palazzi di eminente pregio artistico o storico)

acquisto da privato

  • imposta di registro: 2%

  • imposta catastale fissa: 50 euro

  • imposta ipotecaria fissa: 50 euro

E' stabilito un valore minimo di € 1.000,00 per l'imposta di registro.

Se l’acquirente è un privato, le imposte di registro si applicano secondo il criterio «prezzo-valore», ossia sono applicate sul valore catastale rivalutato del bene immobile.

In caso di mancato trasferimento della residenza entro diciotto mesi dall’acquisto, l’acquirente decade dall’agevolazione (aliquota ridotta).

Ricordarsi: mutuo per detrazione interessi passivi entro 6 mesi.

  • acquisto da impresa costruttrice (o di ristrutturazione) quando i lavori sono stati completati da un massimo di cinque anni

 

iva: 4% sul prezzo di vendita

imposta di registro fissa: 200 euro

imposta catastale fissa: 200 euro

imposta ipotecaria fissa: 200 euro

  • acquisto da impresa costruttrice quando i lavori sono stati ultimati da più di cinque anni o se si acquista da un'impresa non costruttrice che si occupa solo della compravendita

 

iva: Esente ovvero imponibile su opzione _Art. 10, n. 8-bis), D.P.R. 633/1972 _ a condizione che nell’atto sia esercitata l’opzione per l’imponibilità. L’imposta si può applicare anche in sede di acconti e in questo caso l’opzione deve essere già manifestata nel preliminare di vendita, se redatto (C.M. 11.7.1996, n. 182)>

imposta di registro: 2%

imposta catastale fissa: 200 euro

imposta ipotecaria: 200 euro

 

SECONDA CASA

  • acquisto da un privato, da un'impresa non costruttrice o da un'impresa costruttrice cinque anni dopo la fine dei lavori

imposta di registro: 9%

imposta catastale fissa: 50 euro

imposta ipotecaria fissa: 50 euro

  • acquisto da un'impresa costruttrice entro 5 anni dalla fine dei lavori

 

iva: 10%

imposta di registro fissa: 200 euro

imposta catastale fissa: 200 euro

imposta ipotecaria fissa: 200 euro

Gli immobili ricadenti nelle categorie A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli, palazzi di eminente pregio artistico o storico), sono tassati al 22% di iva oltre euro 200 di imposte ipotecaria + catastale se vendute da imprese o da società semplici di gestione immobiliare, enti non commerciali che non effettuino l’operazione in regime d’impresa oppure al 9% di imposta di registro + 100 euro di imposte ipotecaria + catastale se vendute da privati.

APE

Ai contratti di compravendita va obbligatoriamente allegato l'Attestato di Prestazione Energetica.